Otsukaresama
Questa parola, a seconda del contesto, ha due significati diversi.

Nell’ambiente di lavoro, quando entriamo o torniamo al lavoro, fra colleghi scambiamo questa parola per condividere il nostro eventuale stress, ma in realtà una parola di circostanza.

Invece alla persona care e/o di famiglia, chi ha affrontato delle cose speciali o pensanti, per esempio (lavoro, esame, viaggio lungo, ecc) usiamo questa parola con cuore.

Gocisousama
Dopo i pasti diciamo questa parola.
A casa e anche al ristorante.
E’ una parola per ringraziare i cibi che ci hanno cucinato, o in famigliare o lo chef,e anche è un modo di ringraziare chi ha pagato.

Miwa

Ciao a tutti!
Sono Momoyo, una bambola giapponese